Info per > Studenti iscritti > Programmi degli insegnamenti > Archivio Insegnamenti > Programmi Insegnamenti impartiti a.a. 2009-2010

Insegnamento a.a. 2009-2010

6166 - ECONOMIA POLITICA (POVERTA', DISUGUAGLIANZA E DISTRIBUZIONE DEL REDDITO)

Dipartimento di Analisi delle Politiche e Management Pubblico

Insegnamento impartito in lingua italiana


Vai alle classi: 31

Classi: 31 (I sem.)
Docenti responsabili delle classi:
Classe 31: RENATA LENTI

Obiettivi formativi del corso

Il corso si propone di presentare le principali tematiche connesse alla distribuzione del reddito, dedicando particolare attenzione ai problemi della diseguaglianza e della poverta' all'interno delle economie avanzate e dei paesi in via di sviluppo. L'obiettivo e' quello di discutere le diverse impostazioni teoriche (teorie positive e normative della diseguaglianza) sviluppate in  letteratura e gli strumenti di misurazione di cui si dispone. Particolare attenzione e' dedicata alle relazioni tra crescita, diseguaglianza e poverta' con riferimento all'evidenza empirica per i paesi industrializzati e per quelli in via di sviluppo e alle strategie di riduzione della diseguaglianza e della poverta' suggerite dalle Istituzioni Internazionali (World Bank, United Nations Development Programme).


Programma sintetico del corso
  • Le teorie e i concetti:
    • a) teorie positive della diseguaglianza (Pareto, la teoria del capitale umano, l'interpretazione di Kuznets) (C);
    • b) teorie normative della giustizia distributiva (Rawls; Nozick, Von Hayek; Sen) (G; S)
  • La misurazione:
    • a) misure positive e normative della diseguaglianza (indice di Gini, indice di Atkinson, indici di entropia generalizzata) e ordinamenti completi (curva di Lorenz) (B+T, pagg.11-91);
    • b) la misurazione sintetica della poverta' (scale di equivalenza, linee di poverta' assoluta e relativa) (B+T, pagg. 93-118);
    • c) la misurazione multidimensionale della poverta' e del benessere (B+T, pagg. 119-128)                  
  • Crescita, diseguaglianza e poverta':
    • a) le principali teorie sull'andamento della diseguaglianza e della poverta' nel lungo periodo (da Kuznets a Dollar e Kray) (F);
    • b) analisi dell'evidenza empirica piu' recente in Italia, nei paesi OECD e nei paesi in via di sviluppo (A+B; B+T, pagg. 161-194)
  • Le politiche di riduzione della diseguaglianza e della poverta':
    • a) le politiche della Banca Mondiale (T+S;W; R)
    • b) le nuove strategie: i Poverty Reduction Strategy Papers (CC);
    • c) "Equity and Development", il World Development Report 2006, (WB)

Testi d'esame
    • A.B. ATKINSON, A. BRANDOLINI, (A+B), I cambiamenti di lungo periodo nelle diseguaglianze di reddito nei paesi industrializzati, Rivista Italiana degli Economisti, n.3, dicembre 2004, pagg. 389- 421.
    • M. BALDINI, S. TOSO, (B+T), Diseguaglianza, poverta' e politiche pubbliche, Il Mulino, 2004, pagg.11-128, 161-194.                 
    • D. CHECCHI,(C), La diseguaglianza. Istruzione e mercato del lavoro, Laterza, Bari, 1997, pagg. 42-144.
    • CIDSE-Caritas, (CC), PRSP: are the World Bank and the IMF delivering on promises?, A CIDSE-Caritas Internationals Background Paper, April 2004.
    • G.S. FIELDS, (F), Distribution and Development. A new Look at the Developing World, The MIT Press, Cambridge, Massachusetts,  pagg. 35-71.
    • E. GRANAGLIA, (G) Efficienza ed equita' nelle politiche pubbliche, Angeli, 1990, pagg.  25-89, 139-151.
    • D. RODRIK, (R), Rethinking Economic Growth in Developing Countries, Harvard University, October, 2004.
    • A.K. SEN, (S), La diseguaglianza, un riesame critico, Bologna, il Mulino, 2000, pagg. 15-27, 63-83, 211-236.
    • M.P. TODARO, S.C. SMITH, (T+S), Economic development, Harlow  Pearson, 2003, 8a ed., pagg. 626-633, 647-661, 702-719.
    • J. WILLIAMSON, (W), A Short History of the Washington Consensus, Paper commissioned by Fundación CIDOB for a conference "From the Washington Consensus towards a new Global Governance," Barcelona, September 24-25, 2004,
    • WORLD BANK, (WB), Equity and Development, World Development Report 2006, pagg.1-24, 226-229,

 


Descrizione dettagliata delle modalità d'esame

L'esame è in forma scritta. 
È possibile sostenere l'esame in due prove scritte intermedie, la prima nell'appello a meta' semestre e la seconda in alcuni appelli di gennaio e febbraio. La parte del programma relativa alla prima prova intermedia è indicata durante il corso (in relazione all'effettivo svolgimento del programma). Dopo la correzione degli scritti da parte del docente e prima della registrazione è possibile prendere visione degli scritti stessi secondo modalità indicate durante l'esame. Non vi è alcuna differenza nelle modalità tra frequentanti e non frequentanti.

 

© Università Bocconi - Via Sarfatti, 25 Milano