Info
Foto sezione
Logo Bocconi

GUIDE ALL'UNIVERSITA'

A.A. 2018-2019
Corso di Laurea Magistrale in Giurisprudenza



4.
ESAMI

Gli esami e le altre verifiche del profitto devono accertare l'adeguata preparazione dello studente al fine dell'acquisizione dei crediti corrispondenti alle varie attività formative; gli accertamenti possono dare luogo a votazioni espresse in trentesimi (esami di profitto) o a un giudizio di approvazione o riprovazione (prove di idoneità) e sono sempre individuali.

Modificato il 20/03/2018 14:00

4.1.
Programmi d'esame

Le prove d'esame, così come le lezioni, vertono sui temi descritti nei programmi dei corsi che sono disponibili in due versioni: il programma generale dei corsi e il programma d'aula.


Il programma generale del corso riassume le principali tematiche trattate dai vari insegnamenti ed è articolato nelle seguenti parti: mission e programma sintetico del corso, risultati di apprendimento attesi, modalità didattiche, metodi di valutazione, materiali didattici e, ove previsti, i prerequisiti. Per agevolare lo studente nella scelta degli insegnamenti opzionali il programma generale del corso viene pubblicato sul sito (all'indirizzo www.unibocconi.it/insegnamenti) con largo anticipo rispetto all'inizio dell'attività didattica. Non sono previste variazioni salienti in corso d'anno, se non nella parte relativa ai testi d'esame che potrebbero subire modifiche a seguito di nuove pubblicazioni o aggiornamenti non ancora disponibili al momento della stesura dei programmi.


Il programma d'aula, invece, esplicita, con un maggior livello di dettaglio possibilmente corrispondente a ogni sessione didattica in cui si articola il corso, gli argomenti trattati, i materiali didattici di riferimento per l'approfondimento e il consolidamento dei concetti esposti o richiamati nelle lezioni; fornisce inoltre informazioni riguardo alle modalità d'esame e alla eventuale disponibilità di Teaching assistants (vedi "Teaching assistants").
Il programma d'aula, predisposto dal responsabile dell'insegnamento, sentito il parere del Direttore di corso di laurea, viene generalmente distribuito a lezione ed è di norma disponibile online (BBoard, all'interno del programma generale del corso, in Agenda dello studente yoU@B).

Modificato il 19/07/2018 16:13

4.2.
Modalita' d'esame

Le modalità d'esame sono indicate in forma sintetica nel programma generale del corso (nella sezione Metodi di valutazione) e sono ulteriormente dettagliate nel programma d'aula, nonché nelle indicazioni fornite dal docente in aula e, di norma, disponibili online.
Possono essere previste modalità d'esame differenti per studenti non frequentanti e frequentanti e/o prove riservate a questi ultimi alle quali pertanto i non frequentanti non sono ammessi.
Si definiscono studenti frequentanti coloro che registrano le presenze alle lezioni secondo le modalità e i criteri definiti dal docente in aula.

L’accertamento delle conoscenze prevede valutazione in itinere (possibile per i soli frequentanti) o sola valutazione finale (possibile per i non frequentanti ed aperta anche ai frequentanti).
In termini generali, l’accertamento in itinere prevede più momenti di valutazione ed
eventualmente più modalità, quali (a seconda dell’insegnamento e secondo proporzioni
indicate nel programma del corso) prove scritte parziali, prove orali, valutazione della
partecipazione attiva in aula dello studente e valutazione di assignment individuali e/o di gruppo assegnati dal docente durante le settimane di lezione (assignment che possono prevedere solo un output scritto o anche una presentazione orale).
L’accertamento finale prevede invece un unico momento di valutazione
in forma scritta e/o orale.

Negli insegnamenti multiclasse dello stesso corso di laurea, gli esami sono predisposti e svolti con modalità uniformi.

È importante verificare sempre con il docente o con la segreteria di Dipartimento l'effettiva modalità di registrazione del voto (se sia necessaria o meno l'iscrizione a ulteriori prove per completare gli accertamenti ecc.), nonché i tempi di validità dei voti conseguiti a fronte di prove scritte che prevedono anche una prova orale.

Modificato il 21/05/2018 13:00

4.3.
Diffusione temi d'esame

Il docente responsabile dell'insegnamento valuta se rendere noti i temi degli appelli degli esami precedenti, eventualmente corredati dalle corrette modalità di svolgimento e può diffonderli attraverso:


  • la piattaforma BBoard;
  • box ‘Didattica’ disponibile nell’Agenda dello studente yoU@B;
  • la propria personal page disponibile sul sito;


Modificato il 10/07/2018 12:36

4.4.
Sessioni e calendario appelli d'esame e prove parziali
 
4.4.1.
Esami e prove parziali

Il calendario degli esami è organizzato in sessioni collocate in periodi distinti dai periodi di lezione. In ogni sessione si svolgono uno o più appelli.
Per tutti gli insegnamenti sono previsti 4 appelli.

La distribuzione degli appelli prevede 2 prove d'esame al termine del semestre di didattica; il terzo e il quarto appello sono da considerarsi come prova di recupero. Per gli insegnamenti di lingua straniera e Computer Science/Computer Skills sono invece previsti 5 appelli.

Sia a metà del I semestre sia a metà del II semestre è previsto un periodo di sospensione delle lezioni per lo svolgimento della prima prova parziale. La seconda prova parziale è invece collocata alla fine del semestre di didattica. Le date delle prove parziali possono coincidere o non coincidere con le date fissate per la prova unica dell'appello ordinario.

Di norma gli studenti possono accedere a tutti gli appelli purché abbiano soddisfatto il requisito della frequenza (devono essere pertanto terminate le lezioni del semestre in cui l'insegnamento è previsto dal loro piano studi).

Per alcune tipologie di prova e per alcuni insegnamenti possono essere presenti limitazioni all'accesso agli esami.

Le sessioni d'esame e i relativi appelli (periodo di riferimento: ottobre 2018 - settembre 2019) dell'ordinamento quinquennale in Giurisprudenza sono organizzati come indicato nella tabella riportata di seguito.

 

 

Periodo

Insegnamenti
del I semestre

Insegnamenti
del II semestre

Dal

Al 

   

I sessione
15/10/18


20/10/18


I Prova parziale

 

II sessione
10/12/18 (*)

04/01/19


20/12/18 (*)

17/01/19

II prova parziale

1 appello

 
18/01/19
(**)
02/02/19
(**)
II prova parziale
1 appello
1 appello (relativo all'a.a. 2017-2018)

III sessione
18/03/19

 

02/04/19

 


1 appello

 


I Prova parziale

IV sessione
22/05/19


15/06/19




II Prova parziale

1 appello

17/06/19

(**)

13/07/19

(**)

 

II Prova parziale

1 appello

V sessione
28/08/19


10/09/19

 
1 appello


1 appello

(*) Nel periodo 10-20 dicembre 2018 è previsto un appello aperto a tutti gli studenti per un insegnamento obbligatorio del CLMG di ciascun anno di corso in sostituzione dell’appello di gennaio 2019 che di conseguenza non sarà pianificato.


(**) Per gli insegnamenti obbligatori e obbligatori a scelta la II prova parziale, qualora in forma scritta, è pianificata di norma in entrambi gli appelli delle sessioni previste al termine della didattica.
Di conseguenza, per le tipologie di insegnamenti sopra specificate, è fissata di norma una II prova parziale:


  • con riferimento al I semestre, nel periodo 18 gennaio - 2 febbraio 2019 in alternativa a quella prevista nel periodo 4 - 17 gennaio 2019;
  • con riferimento al II semestre, nel periodo 17 giugno - 13 luglio 2019 in alternativa a quella prevista nel periodo 22 maggio - 15 giugno 2019.

Sono previste regole e limitazioni di accesso alla seconda prova parziale, per tutti i dettagli si veda il paragrafo 4.5 Modalità di iscrizione agli esami e alle prove parziali. 


Note al calendario esami


  • con la dicitura "appello" si intendono esami relativi sia all'anno di corso di iscrizione sia ad anni precedenti;
  • il quarto appello relativo agli insegnamenti del II semestre sarà collocato a febbraio 2020;
  • gli appelli per gli insegnamenti di lingua straniera sono collocati nei mesi di: ottobre 2018; febbraio, giugno, luglio e settembre 2019;
  • gli appelli per gli insegnamenti di Informatica per giurisprudenza sono collocati nei mesi di: ottobre 2018; gennaio, febbraio, giugno, agosto/settembre 2019.
  • Qualora lo studente scelga come opzionale un insegnamento afferente ai Corsi di laurea magistrale (BIENNIO) deve attenersi al calendario esami di tale ordinamento di studi.
  • Nel periodo 10-20 dicembre 2018 per gli insegnamenti impartiti nel I semestre, è previsto 1 appello riservato a studenti:
    • impegnati all’estero nei Programmi Scambi, Themis e Free Mover nel II semestre dell’a.a. 2018/2019;
    • incoming di I semestre (Scambi, Themis e corsi singoli)
    • impegnati in stage curriculare in Italia o all’estero nel periodo gennaio/febbraio 2019;
    •  impegnati nel Programma Moot (in qualità di partecipanti e di coach).

In riferimento a tale appello riservato si precisa che:

  • possono prendervi parte i soli studenti per i quali le attività didattiche di cui ai punti 1,3 e 4 avranno inizio prima del termine della sessione d’esame di febbraio (2 febbraio 2019);
  • gli studenti NON sono ammessi a sostenere prove relative a insegnamenti di anni precedenti non ancora superati.


Per gli insegnamenti di II semestre cui risultano iscritti studenti incoming, l’appello relativo alla sessione IV del periodo 22/05/2019-15/06/2019 è pianificato entro il 31 maggio. Qualora questo non fosse possibile, viene pianificato, entro il 31 maggio 2019, un appello straordinario riservato agli studenti incoming.

È garantita la NON sovrapposizione tra appelli d'esame di insegnamenti obbligatori dello stesso anno di corso e stesso semestre; non possono pertanto di norma essere previsti due esami nella stessa giornata. A questa regola fanno eccezione gli appelli di dicembre, febbraio (18 gennaio - 2 febbraio 2019), aprile e agosto/ settembre, per i quali il numero di giornate disponibili per programmare gli esami è limitato. Tali regole di non sovrapposizione si riferiscono SOLO a insegnamenti obbligatori dell'anno di corso a cui lo studente è iscritto e non possono pertanto essere riferite a esami di insegnamenti non ancora superati relativi ad anni precedenti e/o insegnamenti opzionali.

Modificato il 21/05/2018 17:11

4.4.2.
Calendario

Il calendario esami per il periodo ottobre 2018 - settembre 2019 viene pubblicato entro la fine del mese di luglio 2018 sul sito Internet dell'Università all'indirizzo www.unibocconi.it/esami.
Gli appelli d'esame possono subire in corso d'anno variazioni di data o di orario (sono ammessi solo posticipi); in caso di modifica, non è necessario effettuare nuovamente l'iscrizione in quanto essa viene automaticamente trasferita sulla nuova data/orario d'esame.
Sul sito Internet le date delle prove d'esame sono aggiornate quotidianamente.
Il calendario esami personalizzato può essere visualizzato tramite Agenda dello studente yoU@B.


Nel calendario esami pubblicato sul sito le tipologie delle diverse prove sono identificate dalle seguenti sigle: 

  • PI Prova parziale
  • S Prova scritta
  • O Prova orale
Modificato il 19/07/2018 16:14

4.4.3.
Aule assegnate e suddivisioni

Ogni studente può visualizzare online giorno, l'aula e l'orario assegnati per il proprio esame tramite Agenda dello studente yoU@B, di norma dal pomeriggio del giorno feriale antecedente la data della prova. Qualora un esame si svolga in più aule e/o in più turni, gli studenti vengono suddivisi in base a criteri stabiliti dal Dipartimento di afferenza della materia e informati in Agenda yoU@B tramite apposito messaggio. In ogni caso lo studente deve attenersi alle indicazioni relative a giorno, orario e aula contenute nel messaggio.


L'elenco delle aule assegnate per esami è pubblicato sul sito Bocconi, con le stesse tempistiche, all'indirizzo www.unibocconi.it/aule.


È inoltre disponibile:


  • al piano terra dell'edificio di via Sarfatti 25 nella bacheca "Esami e attività del giorno";
  • al piano terra dell'edificio di piazza Sraffa 13, sui monitor e nelle bacheche dedicate.
Modificato il 21/05/2018 15:50

4.5.
Modalita' di iscrizione agli esami e alle prove parziali

L'iscrizione alle prove d'esame (prove scritte, orali, intermedie, seminari) è obbligatoria e deve essere effettuata tramite la voce di menù 'Appelli d'esame' entro il quartultimo giorno feriale lavorativo antecedente la data della prova. Sono considerati non feriali e quindi non computabili i seguenti giorni e periodi:

  • i giorni di sabato e di domenica;
  • i giorni festivi e i periodi di chiusura di seguito indicati:
    • per il 2018:  1 novembre, 7 dicembre,  25 e 26 dicembre;
    • per il 2019 (fino alla sessione di settembre): 1 gennaio, 22 e 25 aprile, 1 maggio, 15 agosto.


L'iscrizione agli appelli d'esame e alle prove parziali è consentita purché lo studente non risulti sospeso (ad es. a causa della mancata registrazione del pagamento delle tasse e dei contributi universitari e delle eventuali prescritte penali, a causa di un provvedimento disciplinare, a causa di irregolarità riscontrate da uno dei servizi d'Ateneo etc.).
Lo studente deve selezionare, una volta entrato nell'Agenda, la funzione ‘Appelli d'esame’ in cui è possibile visualizzare l'elenco degli appelli d’esame prenotabili per gli insegnamenti presenti nel piano studi e non ancora superati. Tramite la voce 'Appelli d'esame' è possibile effettuare l’iscrizione, per ogni codice e modalità d’esame, ad uno solo dei due appelli successivi alla data di visualizzazione.
Cliccando sull’apposita icona in corrispondenza di un appello d’esame sono permesse, nel rispetto delle scadenze previste per l’iscrizione, le seguenti operazioni:

 

  • iscriversi ad una prova d’esame;
  • cancellarsi da una prova a cui si è iscritti.


L'operazione di iscrizione/cancellazione viene conclusa correttamente solo previo invio della conferma prevista dalla procedura. La mancata conferma dell'operazione determina la NON iscrizione/cancellazione all'attività specifica.
Dopo aver completato la procedura di iscrizione alle prove d’esame è possibile stampare il promemoria di ciascuna prenotazione effettuata tramite la voce 'Appelli d'esame' attraverso la funzione Esami>Appelli semplicemente cliccando sull’apposita icona in corrispondenza dell’appello selezionato; inoltre si consiglia di verificare l'avvenuta corretta iscrizione/cancellazione ad un esame attraverso il widget 'Prove d'esame' disponibile in Agenda yoU@B dove è riportato l'elenco delle iscrizioni agli esami effettuate dallo studente.


Se il sistema non consente l'iscrizione/cancellazione a una prova d'esame, le ragioni potrebbero essere:

  • i termini di iscrizione sono scaduti;
  • l'insegnamento non è presente nel piano studi;
  • l'esame è già stato superato positivamente;
  • lo studente risulta sospeso per mancato pagamento di tasse e contributi;
  • lo studente non ha maturato il diritto a partecipare alla prova, perché la data d'esame è antecedente al termine della didattica (fine del semestre); sono escluse da tale controllo le prove parziali.


Inoltre, con particolare riferimento alla seconda data della II prova parziale pianificata al termine della didattica per alcune tipologie di insegnamenti, il sistema potrebbe non consentire l'iscrizione se:

  • lo studente risulta già iscritto alla prima data della II prova parziale;
  • lo studente risulta già iscritto alla prima data della prova generale (scritta oppure orale).


Le verifiche sopra elencate vengono effettuate nuovamente alla chiusura delle iscrizioni all'appello cui lo studente risulti iscritto. Nel caso in cui vengano riscontrate irregolarità, lo studente perde il diritto di sostenere l'esame. Allo studente sospeso successivamente all'iscrizione a una o più prove d'esame e/o intermedie, viene inviato messaggio tramite Agenda dello studente yoU@B per segnalare l'impossibilità di sostenere tale attività. Lo studente che provvede a regolarizzare la propria posizione entro il termine di iscrizione alle prove, riacquista il diritto di sostenerle. A fronte dell'avvenuta regolarizzazione, viene inviato messaggio di conferma tramite i canali di comunicazione sopra citati.


Per maggiori dettagli sulle regole di iscrizione e accesso alle prove d'esame si veda cap. 4.5.1 Note all'iscrizione agli esami: regole e norme di accesso alle prove.

Modificato il 03/12/2018 10:41

4.5.1.
Note all'iscrizione agli esami: regole e norme di accesso alle prove
In aggiunta alle regole menzionate nel paragrafo 4.5 Modalità di iscrizione agli esami e alle prove parziali, di seguito sono riportate importanti note utili per l'iscrizione e l'accesso alle prove:

  1. Concomitanza nello stesso giorno di una prova scritta e di una prova parziale o di una prova orale e di una prova parziale.
    Qualora il calendario esami preveda la concomitanza nello stesso giorno di una prova scritta e di una prova parziale o di una prova orale e di una prova parziale non è consentita l’iscrizione contemporanea ad entrambe le tipologie di prove; lo studente è tenuto pertanto a scegliere a quale delle due tipologie (scritta o parziale, orale o parziale) iscriversi.
  2. Prova orale e prova scritta per uno stesso insegnamento.
    Qualora il calendario esami preveda date sia per la prova scritta sia per la prova orale (ad es. gli insegnamenti di lingua), è necessario iscriversi a entrambe (anche se coincidenti nello stesso giorno). La mancata iscrizione a una delle due tipologie comporta la non ammissione a sostenere la stessa.
  3. Iscrizione ad un gruppo d’esame.
    In alcuni casi, all'atto dell'iscrizione alla prova, viene richiesta la scelta di un'opzione specifica individuata tra un gruppo di alternative (per es. modalità frequentanti). Dopo aver selezionato la tipologia e la data della prova a cui iscriversi/cancellarsi, la transazione propone in modo automatico una finestra con la possibilità di selezionare il gruppo al quale iscriversi.
  4. Prove parziali.
    In caso di esame costituito da più prove parziali, lo studente è tenuto a sostenere positivamente tutte quelle previste ai fini del superamento dell’esame; qualora uno studente non prenda parte ad una di esse, è tenuto a sostenere l’esame direttamente in modalità generale.
    Per informazioni dettagliate sulle modalità d’esame previste per ogni singolo insegnamento si rimanda ai programmi dei corsi pubblicati sul sito www.unibocconi.it/insegnamenti.
  5. Regole di accesso/iscrizione alla II prova parziale
    Con riferimento alla seconda prova parziale pianificata in entrambi gli appelli delle sessioni previste al termine dei semestri di didattica, sono previste le seguenti regole e limitazioni di accesso:
  • è consentito sostenere la II prova parziale una sola volta: agli studenti iscritti alla II prova parziale nel primo appello dopo la didattica non è permesso di iscriversi alla II prova parziale nel secondo appello dopo la didattica;
  • agli studenti iscritti alla prova generale nel primo appello dopo la didattica non è permesso di iscriversi alla II prova parziale nel secondo appello dopo la didattica.
I controlli sull’accesso alla II prova parziale nel secondo appello dopo la didattica sono effettuati in base all’iscrizione alla prova, indipendentemente dalla presenza all’esame.

Per informazioni dettagliate sui periodi d'esame e sulle tipologie di insegnamenti per cui è prevista la seconda prova parziale, si rimanda al paragrafo  4.4.1 Esami e prove parziali

Modificato il 30/10/2018 17:16

4.6.
Commissione d'esame
Le commissioni giudicatrici degli esami sono nominate dal Rettore o da un suo delegato; sono composte da almeno 2 membri, compreso il Presidente, e presiedute dal docente responsabile dell'insegnamento. Quando il carico didattico lo richieda, le commissioni possono articolarsi in sottocommissioni.
Possono essere docenti esaminatori, in base alla proposta del Direttore di Dipartimento di afferenza dell’insegnamento:
  • tutti coloro che hanno attività didattica assegnata sull’insegnamento nell’anno accademico, esclusi i Visiting Professors short term e/o coloro che intervengono solo per testimonianze o attività seminariali;
  •  i Teaching Assistants con laurea magistrale, assegnati all’insegnamento;
  •  tutti coloro che facevano parte della Commissione d’esame in anni precedenti, anche se non svolgono più didattica nell’anno corrente;
  •  i docenti Bocconi (di ruolo e non di ruolo) competenti sulla materia di insegnamento
  • il Direttore del Dipartimento di afferenza dell’insegnamento.

    Generalmente negli appelli ordinari della prima sessione d'esame successiva al termine della didattica, gli studenti sostengono l'esame con il/i docente/i della classe alla quale sono stati assegnati per l'attività didattica. Negli appelli ordinari successivi, gli esami possono essere organizzati anche per gruppi di classi; in questo caso gli studenti sostengono l'esame con il docente o i docenti di una delle classi del gruppo, anche diversa da quella cui erano stati assegnati per l'attività didattica, o con i cultori della materia.
Modificato il 20/03/2018 14:00

4.7.
Svolgimento d'esame
   
4.7.1.
Modalita'
Possono sostenere le prove d'esame solo ed ESCLUSIVAMENTE gli studenti che risultino regolarmente iscritti all’esame.
Lo studente deve presentarsi all'esame munito di tessera magnetica personalizzata.

Nel caso l'esame preveda la forma scritta, la partecipazione all'esame è attestata da firma apposta nel compito al momento della prova; lo studente firma la propria partecipazione all'esame (non l'accettazione del voto). Gli studenti devono redigire le prove scritte unicamente con penna a sfera ad inchiostro indelebile di colore nero o blu.

Nel caso l'esame preveda la forma orale, la partecipazione all'esame è di norma rilevata dal docente tramite apposita procedura online; talvolta può essere richiesta l’apposizione della firma da parte dello studente.

Durante lo svolgimento delle prove lo studente può ritirarsi; in tal caso la prova si considera non conclusa e l'esame risulta privo di esito.
In caso di prova scritta il ritiro è effettuato consegnando il compito con la notazione "ritirato". Di norma, in caso di esami scritti, gli studenti che si ritirano devono restare in aula sino al termine della prova; da una prova orale lo studente può ritirarsi solo prima che il docente abbia dichiarato il voto. Il ritiro dalla prova equivale alla non partecipazione all'esame.
Consegnare il compito scritto (sia esso prova intermedia o prova unica) significa in particolare accettare il voto che sarà assegnato dal docente, qualsiasi esso sia.
Modificato il 10/07/2018 13:13

4.7.2.
Regole di comportamento

Le prove d'esame rappresentano momenti di valutazione ufficiali che richiedono la massima correttezza e rispetto delle regole da parte dello studente.

Durante una prova d'esame gli studenti:

  • non possono fornire o ricevere aiuto, né cercare di farlo, né avvalersi di appunti personali se non previa esplicita autorizzazione da parte del docente. L'aiuto non può essere ricevuto da alcuna persona, né fornito in alcun modo;
  • non devono cercare di avere informazioni riservate in merito ai quesiti contenuti in una prova d'esame;
  • non possono farsi sostituire da altri o sostituire altri per la stesura della prova d'esame o presentare come proprio un lavoro copiato, anche solo in parte, da fonti esterne;
  • non possono tenere sui banchi dispositivi mobile (es. telefoni cellulari, lettori mp3, smartwatch ecc).

La violazione di tali regole o delle eventuali disposizioni indicate dal docente presente al momento della valutazione comporta, in ogni caso, l'annullamento della prova e l'avvio di un procedimento disciplinare.
Le sanzioni disciplinari applicabili in questa Università comprendono:

  • ammonizione formale;
  • interdizione temporanea da uno o più corsi;
  • esclusione da uno o più esami di profitto per una o più sessioni;
  • sospensione temporanea dall'Università con conseguente perdita delle sessioni d'esame (non superiore a tre anni).

Tutte le sanzioni disciplinari sono registrate nella carriera accademica dello studente e trascritte nei fogli di congedo e nei documenti di ricognizione della carriera in sede di determinazione del voto finale di laurea. La sanzione superiore all'ammonizione comporta la decadenza dai benefici del diritto allo studio (es. borsa di studio, alloggio ecc.). 

Le presenti regole non sostituiscono, peraltro, l'opera attiva dell'Università, che si impegna a un'attività di sorveglianza delle prove d'esame. L'Università si impegna inoltre a predisporre un ambiente consono al sostenimento delle prove d'esame, garantendo uno spazio adeguato per ogni studente nelle aule in cui si sostiene la prova, favorendo il silenzio e la possibilità di concentrazione, impegnandosi inoltre a formulare domande comprensibili per mettere lo studente nella condizione migliore per dimostrare le sue capacità in termini di grado di apprendimento della materia.

Infine si raccomanda vivamente di prendere visione di quanto contenuto nell’Honor Code pubblicato sul sito in www.unibocconi.it/honorcode in cui sono sistematizzati i comportamenti scorretti e illegali e le relative sanzioni.

Modificato il 19/07/2018 16:16

4.8.
Votazioni

Le votazioni da 0 a 17 trentesimi sono considerate insufficienze.
Le votazioni da 18 a 30 trentesimi sono considerate sufficienze.
La Commissione d'esame può attribuire la lode al candidato cui ha assegnato 30 trentesimi.

Gli esami con votazione sufficiente si considerano superati e non possono essere ripetuti (sia che siano svolti mediante prove intermedie sia che siano svolti con prova unica).
Gli esami con votazione insufficiente si considerano non superati e pertanto devono essere ripetuti.

Modificato il 20/03/2018 14:00

4.9.
Comunicazione esiti esami

Gli esiti delle prove scritte sono disponibili presso le segreterie di Dipartimento cui i singoli insegnamenti afferiscono e vengono di norma pubblicati in Agenda dello studente yoU@B > Prove d'esame. La comunicazione del voto ha valore puramente informativo, pertanto è opportuno che lo studente ne verifichi la presenza e la correttezza nella propria carriera.

In accordo con il dettato dell’Honor Code, i docenti si impegnano a svolgere le attività di valutazione in modo obiettivo, e a gestire la relazione con gli studenti in modo aperto e disponibile al confronto. In questo quadro, in caso di prove d’esame scritte l’Università prevede che sia programmato dal docente un momento dedicato alla visione degli elaborati oggetto della valutazione.

Durante la visione dei compiti non è prevista alcuna negoziazione tra docente e studente in merito alla valutazione assegnata; in questa fase, lo studente è tenuto a conservare un atteggiamento orientato a comprendere gli eventuali errori effettuati al fine di cogliere, dal confronto diretto con il docente, un’opportunità di apprendimento. Non è in alcun modo consentito allo studente delegare terzi alla visione del proprio elaborato.

Modificato il 30/01/2019 10:58

4.10.
Verbalizzazioni, registrazioni e certificazioni

L'esito finale dell'esame è verbalizzato con votazione espressa in trentesimi ed è registrato nella carriera dello studente dall'Ufficio Piani Studio.

Gli esami degli insegnamenti suddivisi in moduli si considerano superati, e possono essere registrati in carriera e certificati, solo dopo aver sostenuto con esito positivo le prove di ciascun modulo. Il voto finale è dato dalla media ponderata (rispetto ai crediti di ciascun modulo) dei due voti parziali assegnati.

Gli uffici competenti provvedono periodicamente ad effettuare verifiche nelle votazioni registrate nelle carriere di tutti gli studenti.

Nel certificato "Iscrizione con carriera" sono riportati tutti gli esami previsti dal piano studi con indicazione di data superamento, voto, crediti e settore scientifico disciplinare relativamente agli esami verbalizzati che hanno avuto esito sufficiente.

Sul curriculum accademico sono riportati tutti gli insegnamenti previsti dal piano studi compresi gli esami superati, cioè quelli registrati con votazione sufficiente. Inoltre possono essere in esso visualizzati i voti parziali conseguiti nelle prove d’esame degli insegnamenti suddivisi in moduli (ove previsti dal piano studi) validi esclusivamente all’interno dell’Ateneo per graduatorie Borse ISU, scambi ecc.

Sono certificati soltanto gli esami superati.

Modificato il 20/03/2018 14:00

4.11.
Riconoscimento certificazioni di lingue straniere

Per gli insegnamenti di prima e seconda lingua straniera sono consentite, in alternativa all'esame Bocconi, alcune certificazioni riconosciute a livello internazionale il cui voto viene convertito in trentesimi.
Per maggiori informazioni vedi "Modalità di accertamento delle conoscenze".

Modificato il 20/03/2018 14:00

4.12.
Criteri e modalita' per il calcolo della media dei voti riportati negli esami

La media è calcolata secondo il metodo della media aritmetica ponderata, prendendo a riferimento tutti i risultati espressi in trentesimi presenti nella carriera dello studente. La ponderazione è effettuata considerando il peso in crediti degli insegnamenti.

Sono esclusi dal calcolo della media i crediti maturati nelle attività formative la cui valutazione non è espressa in trentesimi (ad es. seminari, stage etc.).

Ai fini del calcolo della media, al 30 e lode è assegnato valore 31. 
Gli eventuali esami in sovrannumero entrano nel calcolo della media fino a un massimo di 2 esami. Se lo studente ha superato più di 2 esami in sovrannumero, sono utilizzati i 2 migliori risultati  (quelli nei quali sono stati conseguiti i voti più alti e a parità di voto quelli con un numero di crediti maggiore).

Agli esami convalidati di studenti provenienti da altre università italiane è assegnata la votazione dell'università di provenienza. 
Agli esami convalidati di studenti provenienti da università straniere è assegnata la votazione dell'università di provenienza che, quando espressa con altre scale numeriche o letterali, è convertita in trentesimi sulla base di apposite tabelle di corrispondenza. 
Agli esami sostenuti in altre università italiane e straniere in regime di convenzione, è assegnata la votazione dell'università sede d'esame; le relative votazioni, quando espresse con altre scale numeriche o letterali, sono convertite in trentesimi sulla base di apposite tabelle di corrispondenza.

Modificato il 10/07/2018 14:59

4.13.
Propedeuticita' tra esami

Al fine di garantire che l'acquisizione delle conoscenze di livello avanzato poggi su solide conoscenze di base, sono previste, per alcuni insegnamenti, delle propedeuticità. La propedeuticità indica la successione temporale e logica nella preparazione degli esami ed esprime vincolo nell'affrontarne alcuni prima di averne superati altri.

La verifica dell'eventuale mancato rispetto delle propedeuticità viene effettuata al termine di ogni sessione d'esame, pertanto lo studente può sostenere nella medesima sessione esami relativi a insegnamenti propedeutici tra loro. Le eventuali irregolarità riscontrate comportano l'annullamento d'ufficio delle prove d'esame sostenute.

Si riportano qui di seguito le tabelle delle propedeuticità distinte per anno accademico di immatricolazione.

Modificato il 20/03/2018 14:00

4.13.1.
Studenti immatricolati nell'anno accademico 2014/2015

Insegnamenti

anno
di corso

CFU

 

Insegnamenti

anno di corso

CFU

Istituzioni di
diritto privato 

10 

propedeutico a

Diritto processuale civile-modulo 1
Diritto commerciale
Diritto del lavoro-modulo 1
Diritto civile-modulo 1

3
2
3
4

8
8
6
8

Diritto costituzionale italiano ed europeo 

10 

propedeutico a

Diritto amministrativo - modulo 1
Diritto costituzionale c.p. (variabile a seconda del percorso scelto) 

4

10

Filosofia del diritto 

propedeutico a

Teoria dell'argomentazione giuridica e analisi economica del diritto 

Diritto processuale
civile-modulo 1

propedeutico a

Diritto processuale civile-modulo 2

3

Diritto commerciale 

propedeutico a

Diritto commerciale c.p. (variabile a seconda del percorso scelto)

Diritto del lavoro-modulo 1

propedeutico a

Diritto del lavoro - modulo 2 (variabile a seconda del percorso scelto)

Diritto processuale penale-modulo 1

3

8

propedeutico a

Diritto processuale penale-modulo 2 (variabile a seconda del percorso scelto)

4

6

Diritto civile-modulo 1

4

8

propedeutico a

Diritto civile-modulo 2 (variabile a seconda del percorso scelto)

5

8

Inoltre, l'esame di I lingua relativo al primo anno di corso è propedeutico all'esame del secondo anno di corso.  


Si segnala che il conseguimento della patente ECDL completa (vedi "Informatica") è prerequisito per il sostenimento dell'esame di Informatica per Giurisprudenza previsto nel primo semestre del secondo anno.

In ogni caso, anche per gli insegnamenti per i quali non sono previste propedeuticità, si consiglia di sostenere gli esami rispettando la sequenza della didattica in termini sia di anno di corso sia di semestre.

 

Si ricorda inoltre che, al fine del passaggio al secondo anno di corso, è previsto un limite minimo di 24 crediti formativi relativi al piano studi del primo anno da conseguirsi entro la sessione d'esame di luglio (vedi "Procedure, regole e scadenze amministrative").



Modificato il 19/07/2018 16:16

4.13.2.
Studenti immatricolati dall'anno accademico 2015-2016

Insegnamenti

anno
di corso

CFU

 

Insegnamenti

anno
di corso

CFU

Istituzioni di
diritto privato 

10 

propedeutico a

Diritto processuale civile - modulo 1
Diritto commerciale
Diritto del lavoro - modulo 1
Diritto civile - modulo 1

3
2
3
4

8
10
6
8

Diritto costituzionale italiano ed europeo 

10 

propedeutico a

Diritto amministrativo - modulo 1
Diritto costituzionale c.p. (variabile a seconda del percorso scelto) 

4

10

Filosofia del diritto 

propedeutico a

Teoria dell'argomentazione giuridica e analisi economica del diritto) 

2

Diritto commerciale 

10

propedeutico a

Diritto commerciale c.p. (variabile a seconda del percorso scelto)

6

Diritto processuale civile modulo 1 3 8 propedeutico a Diritto processuale civile-modulo 2 3 6

Diritto del lavoro - modulo 1

propedeutico a

Diritto del lavoro-modulo 2 (variabile a seconda del percorso scelto)

Diritto processuale penale - modulo 1

3

8

propedeutico a

Diritto processuale penale - modulo 2 (variabile a seconda del percorso scelto)

4

6

Diritto civile - modulo 1

4

8

propedeutico a

Diritto civile - modulo 2 (variabile a seconda del percorso scelto)

5

8


Inoltre, l'esame di I lingua relativo al primo anno di corso è propedeutico all'esame del secondo anno di corso.

Si segnala che il conseguimento della patente ECDL completa (vedi "Informatica") è prerequisito per il sostenimento dell'esame di Informatica per Giurisprudenza previsto nel primo semestre del secondo anno.

In ogni caso, anche per gli insegnamenti per i quali non sono previste propedeuticità, si consiglia di sostenere gli esami rispettando la sequenza della didattica in termini sia di anno di corso sia di semestre.

Si ricorda inoltre che, al fine del passaggio al secondo anno di corso, è previsto un limite minimo di 24 crediti formativi relativi al piano studi del primo anno da conseguirsi entro la sessione d'esame di luglio (vedi "Procedure, regole e scadenze amministrative").

Modificato il 19/07/2018 16:17

4.14.
Riconoscimento di esami superati in universita' straniere
Gli studenti iscritti al corso di laurea magistrale in Giurisprudenza possono ottenere il riconoscimento di esami (con voto e acquisizione dei relativi crediti) superati all'estero nei Programmi Scambi, Themis promossi e coordinati dall'ufficio Study Abroad della Divisione Mercato, Free-Mover Semestre e Free Mover Summer.

In particolare, si segnala che:

  • nell'ambito delle suddette iniziative svolte all'estero, lo studente può avere riconosciuti fino a un massimo di 5 esami nell'ambito del Programma Scambi o Programma Themis o Free-Mover Semestre e non più di 1 esame come Free Mover Summer;
  • lo studente dovrà convertire minimo 1 esame affinché l’esperienza di mobilità internazionale possa essere riconosciuta in carriera accademica;
  • non potranno essere convertiti, se sostenuti all’estero
    • gli insegnamenti vietati
    • gli esami di informatica.
    • fino all’a.a. 2018/2019: gli esami di lingua straniera (sono convertibili solo le certificazioni).
      A partire dall'anno di mobilità 2019/2020, oltre alle certificazioni, sono convertibili anche gli esami di lingua straniera superati all'estero nell'ambito del Programma scambi, Themis e Free Mover Semestre (ad eccezione del Free Mover Summer) previa approvazione del docente del centro linguistico responsabile della lingua; i crediti delle lingue rientrano nel limite massimo dei 5 insegnamenti riconoscibili;
    • gli insegnamenti obbligatori specifici di altri corsi di laurea;
    • lo studente non può sostenere in Bocconi in proctoring esami relativi a corsi seguiti all’estero;
    • gli insegnamenti superati con una votazione non compresa nella scala numerica della tabella di conversione utilizzata dall’università estera. In caso di valutazione Pass/Fail, quando positiva, potrà essere convertita con il voto minimo previsto nella scala Bocconi.


Elenco degli insegnamenti non riconoscibili se sostenuti all'estero (presto disponibile)
Modificato il 31/07/2018 16:19

4.15.
Procedura di riconoscimento degli esami nell'ambito dei programmi Scambi, Themis, Free-Mover Semestre e Free Mover Summer
Il riconoscimento degli esami sostenuti nell'ambito del Programma Scambi, Themis e Free-Mover non è automatico ed è subordinato alla seguente procedura.

Lo studente, dopo essere stato selezionato (Programma Scambi e Themis) o autorizzato dall’ufficio Study Abroad (Free Mover Semestre/Summer) e prima della partenza, valutata l’offerta dell’università ospitante, verifica o richiede l’autorizzazione preventiva al riconoscimento dei corsi esteri di proprio interesse ai docenti Bocconi.
I corsi individuati possono prevedere una conversione:

  • con corrispondenza, se il corso estero ha un corso corrispondente nell’offerta formativa Bocconi;
  • senza corrispondenza, se il corso estero non ha un corso corrispondente nell’offerta formativa Bocconi.

La richiesta di autorizzazione preventiva, completa di programma del corso estero e di tutte le informazioni utili alla sua valutazione, dovrà essere inviata:

  • al docente responsabile del corrispondente insegnamento in Bocconi, in caso di conversione con corrispondenza;
  • al proprio Direttore di corso di laurea o a un suo delegato in caso di conversione senza corrispondenza.

La richiesta di autorizzazione alla conversione dovrà essere inviata attraverso l’apposita procedura "Recognition" in Agenda yoU@B, sezione Mobilità Internazionale.

E’ possibile accorpare due o più esami esteri a copertura di un esame Bocconi, previa approvazione del responsabile del corso Bocconi o del Direttore del corso di laurea. Non è possibile invece utilizzare un esame estero a copertura di due o più esami Bocconi.

La richiesta di conversione di un corso estero con un corso Bocconi (con o senza corrispondenza) NON anticipa alcuna richiesta di modifica o composizione del Piano Studi, che dovrà essere attuata nel rispetto delle regole e dei tempi indicati in Procedure, regole e scadenze amministrative, capitolo 6. Per gli studenti iscritti ad un percorso di studio: ulteriori informazioni sono consultabili al paragrafo 6.4.1 Scelta Percorso di studio.

Al termine del periodo di mobilità, l’università straniera emette la certificazione degli esami sostenuti. In base a tale certificazione e su richiesta dello studente, l'ufficio Study Abroad effettua le opportune verifiche e predispone la registrazione in carriera degli esami superati all’estero che lo studente desidera far riconoscere.

Per ulteriori dettagli si rimanda al sito http://www.ir.unibocconi.eu/, paragrafo Academic Recognition della sezione di pertinenza.

Agli esami superati in altre università da studenti Bocconi è assegnata la votazione dell'università di provenienza che, quando espressa con altre scale numeriche o letterali, è convertita in trentesimi sulla base di apposite tabelle di corrispondenza.

In caso di accorpamento di due o più esami esteri a copertura di un esame Bocconi, la votazione finale è data dalla media ponderata dei corrispondenti voti Bocconi ottenuti, utilizzando come coefficienti di ponderazione i crediti esteri riportati nel Transcript emesso dall’università ospitante.
Lo studente potrà riconoscere anche esami in sovrannumero (vedi cap. 6.6 Esami in sovrannumero).

Nota bene. I corsi di laurea impartiti in lingua italiana prevedono in piano studi almeno un insegnamento in lingua inglese (obbligatorio o opzionale): tale vincolo viene a cadere nel caso in cui lo studente convalidi il Programma Scambi o Themis o l’esperienza Free Mover Semestre presso un ateneo per cui la lingua richiesta dall’Università Bocconi ai fini della selezione/accettazione è diversa dall’inglese.
Modificato il 19/07/2018 16:18