Facebook pixel
Info
Foto sezione
Logo Bocconi

Insegnamento a.a. 2008-2009

8109 - GESTIONE STRATEGICA NEI DISTRETTI


MM-LS - AFC-LS - CLAPI-LS - CLEFIN-LS - CLELI-LS - DES-LS - CLG-LS - M-LS - IM-LS - ACME-LS - EMIT-LS
Dipartimento di Management e Tecnologia

Insegnamento impartito in lingua italiana


Vai alle classi: 31

MM-LS (6 cfu - I sem. - AI) - AFC-LS (6 cfu - I sem. - AI) - CLAPI-LS (6 cfu - I sem. - AI) - CLEFIN-LS (6 cfu - I sem. - AI) - CLELI-LS (6 cfu - I sem. - AI) - DES-LS (6 cfu - I sem. - AI) - CLG-LS (6 cfu - I sem. - AI) - M-LS (6 cfu - I sem. - AI) - IM-LS (6 cfu - I sem. - AI) - ACME-LS (6 cfu - I sem. - AI) - EMIT-LS (6 cfu - I sem. - AI)
Docente responsabile dell'insegnamento:
FEDERICO VISCONTI

Classi: 31 (I sem.)
Docenti responsabili delle classi:
Classe 31: FEDERICO VISCONTI


Obiettivi formativi del corso

Per quanto i distretti stiano attraversando una fase di profonda trasformazione, la concentrazione di imprese in un territorio geograficamente limitato continua a rappresentare un elemento di contesto che favorisce il successo e la continuita' di sviluppo. Ancora oggi, le aree-sistema rivestono un peso significativo nella struttura economica del nostro Paese ed evidenziano modelli di comportamento strategico peculiari rispetto al piu' vasto mondo delle piccole e medie imprese. In questo contesto di riferimento, il corso di Gestione Strategica dei Distretti si propone, da una parte, di delineare i tratti distintivi delle strategie delle imprese operanti all'interno dei distretti industriali e dei distretti turistici e, dall'altra, di individuare i fabbisogni di sviluppo imprenditoriale dei distretti in quanto realta' sistemica. Con riferimento a quest'ultimo aspetto, si propongono strumenti e modelli per la valutazione del fabbisogno di innovazione, per la gestione del processo di cambiamento e, piu' in generale, per lo sviluppo imprenditoriale dell'intero sistema locale. Il corso si articola non solo in parti di razionalizzazione teorica, ma anche in momenti di verifica empirica condotti mediante la discussione di casi e di testimonianze di imprenditori ed operatori istituzionali.


Programma sintetico del corso
  • La struttura e l'evoluzione dei distretti nell'economia italiana
  • Il contributo del modello alla competitivita' internazionale del Paese
  • Il territorio come matrice di imprenditorialita'
  • Gli archetipi competitivi delle imprese distrettuali
  • I percorsi di sviluppo delle imprese distrettuali
  • I caratteri distintivi delle imprese turistiche
  • Nuove tecnologie e scenari di sviluppo
  • L'analisi e la valutazione del fabbisogno di sviluppo imprenditoriale di un distretto
  • Le strutture e i ruoli di metamanagement
  • Il destination management

Descrizione dettagliata delle modalità d'esame

L'esame si svolge in forma orale, fatta eccezione per la prima prova alla fine del corso che si svolge in forma scritta. Non sono previste prove intermedie.


Testi d'esame

Per i frequentanti

  • F. VISCONTI, C. TRIPODI (a cura di), Strategie delle PMI operanti nei distretti. Casi e materiali didattici, Milano, Il Pellicano, 2006.
  • F. VISCONTI, Il governo dei distretti industriali. Strategie, strutture e ruoli, Milano, EGEA, 2002.

Per i non frequentanti

  • F. VISCONTI, C. TRIPODI (a cura di), Strategie delle PMI operanti nei distretti. Casi e materiali didattici, Milano, Il Pellicano, 2006.
  • F. VISCONTI, Il governo dei distretti industriali. Strategie, strutture e ruoli, Milano, EGEA, 2002.
  • F. VISCONTI, Piccole imprese.  Spirali di crisi, percorsi di successo, EGEA, 2006.

Prerequisiti

Il corso è consigliato a tutti coloro che, nell'ambito del proprio percorso di studi, desiderano approfondire la conoscenza dei distretti industriali e dei distretti turistici.

Modificato il 29/05/2008 09:11